venerdì 12 gennaio 2018

CAKE CON FRUTTA SECCA


Hallo!!! È ora di fare merenda...ed io, per l'occasione, ho con molto piacere, svuotato tutte le cocottine varie di frutta secca avanzate dalle feste natalizie. Questa dovrebbe essere l'ultima torta...diciamo energetica...per questo mese, infatti mi sn rimessa a regime. Speriamo di riuscirci...se c'è una cosa che mi piace fare è cucinare e poi mangiare  ..non lascio che siano solo gli altri a godere.

Tra l'altro non so neanche rispondere alla solita domanda..preferisci il dolce o il salato?? Adoro tutti e due...magari invertiti...
Avevo già pubblicato questa ricetta tempo fa, ma adesso ho sostituito il burro con l'olio di semi di girasole e poi le calorie del burro che avevo evitato le ho messe nella ganache al cioccolato che ho adoperato per decorarla. Se ne può fare anche a meno..però se caso mai volessimo fare un regalo, la vedo più carina.

INGREDIENTI:
150 gr di castagne già lessate
150 gr di fichi secchi
50 gr di uvetta
75 gr di noci
120 gr di olio di semi
200 gr di zucchero
4 uova
un pizzico di sale
un po' di cannella macinata
un pizzico di vaniglia
200 gr di farina
16 gr di lievito
50 gr di granella di zucchero 
1/2 bicchiere di rum (circa 60gr)

PROCEDIMENTO
Mettere a bagno l'uvetta nel rum. In una ciotola sgusciare le uova, aggiungere lo zucchero, l'olio, il sale, la cannella, la vaniglia e dopo aver girato un po', la farina con il lievito e per ultimo la frutta secca ed il rum con l'uvetta. Oliare uno stampo a piacere, spolverare anche con un po' di farina e riempirlo con l'impasto.
Mettere in forno preriscaldato a 180° ed abbassare a 170° per 45 minuti. Fare sempre la prova stecchino e se si colora subito abbassare un po' la temperatura. Buona merenda!!!

giovedì 11 gennaio 2018

CROSTATINE DI MELE VEGANE

Ad un certo punto della mia vita ho constatato, per forza di cose, che ero diventata intollerante a tutto quello che producevo...cioè per farla breve, non potevo più mangiare i prodotti da forno, quelli con il latte e i derivati da esso, tutti i prodotti che avevano i lieviti, tra cui la birra, il vino, quindi i sottaceti ecc. Poi c'era di mezzo pure il nichel...insomma per farla breve ero abbastanza demoralizzata. L'unica da fare era studiare nuove ricette che mi permettevano comunque di nutrirmi senza poi avere tutte quelle conseguenze che le intolleranze comportano. A parte le varie gallette di riso, quinoa, amaranto, le varie paste di mais ecc. per la prima colazione ho cominciato a elaborare delle ricette che avessero ingredienti leggeri, freschi e nutrienti. Questa è una di quelle ricette che andavano bene sia per me che per quei clienti che seguivano una dieta vegana. E' una frolla dove poi come ripieno possiamo mettere o una marmellata normale o il ripieno con le mele che vi dirò fra poco.
                                                                         FROLLA:
100 gr di farina integrale
180 gr di farina 0
200 gr di mandorle tritate
100 gr di fecola
100 gr di zucchero di canna
  3   gr di lievito in polvere
100 gr di olio di semi
150 gr di succo di mela (va bene anche un altro succo che sia però un estratto)

RIPIENO:
5 mele (dipende dalla grandezza ...più o meno)
60 gr di uvetta
40 gr di mandorle tritate
un pizzico di cannella 
mezzo bicchiere di rum

PROCEDIMENTO:
Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola. Aggiungere, sempre mescolando con una forchetta, il succo di mela poco alla volta fino ad ottenere un impasto compatto. Appiattirlo e metterlo in frigo a riposare dopo averlo impellicolato. Preparare il ripieno...tagliare le mele a cubetti, unirle alle mandorle, all'uvetta, al rum e alla cannella. Riprendere l'impasto, stenderlo negli stampini di metallo da muffin dopo averli unti, mettere dentro un cucchiaio di composto di mele ed infornare a 180° per circa 20 minuti circa. Se vi capita di trovare le melucce mini mini le mettete al centro della crostatina e voilà.....il gioco è fatto.












venerdì 5 gennaio 2018

ECCO... ARRIVA LA BEFANA!!!!

 Questi sono gli ultimi giorni di festa e quella della befana è sicuramente la più divertente per quanto riguarda i bambini. Ricordiamoci che questi sono gli ultimi giorni che li abbiamo a casa prima che si ricominci con la scuola, il lavoro, gli impegni pomeridiani con i vari sport, ecc. Allora cosa c'è di meglio che coinvolgerli nella preparazione di questi biscottini che oltre ad essere buonissimi li faranno divertire. Non pensiamo assolutamente in questo momento al fatto che la cucina possa diventare un campo di battaglia ma concentriamoci sui loro sorrisi, sulle loro domande e le loro risatone che più in là ci mancheranno da morire..sigh. Allora prepariamo la frolla e mentre quest'ultima si riposa ci facciamo le formine. per la frolla abbiamo bisogno di                 gr. 300 di farina
                                               gr. 150 di burro
                                               gr. 100 di zucchero
                                                  1 tuorlo d'uovo
                                                  1 uovo intero
                                                un pizzico di sale e un po' di limone grattuggiato
Facciamo una fontana con la farina, facciamo spazio al centro e mettiamo lo zucchero, il limone, il sale, le uova ed il burro a pezzetti; con una forchetta impastiamo  il tutto, quando  è ben amalgamato sempre con la forchetta

cominciamo a mettere la farina. Dopo un po' aiutandoci con le mani ma avendo l'accortezza di fare tutto molto velocemente faremo un panetto, lo avvolgeremo con la pellicola e lo metteremo a riposare in frigo. Se quando aggiungeremo la farina riusciremo a non lavorare troppo l'impasto, eviteremo di creare il glutine che poi ci darà un aspetto colloso alla pasta e ci toglierà la friabilità che invece è proprio la qualità che contraddistingue la frolla.
 Cappellini:
 Per la base prendiamo anche un bicchiere.
Per la forma invece se non abbiamo gli stampini dei cannoli ci dobbiamo preparare un cerchio con un cartoncino, che taglieremo fino al centro e chiuderemo fino a dargli la forma di un cono. Lo blocchiamo con la cucitrice e lo rivestiamo con carta d'alluminio...
 Per le scopette
 ...disegniamo una scopetta sul cartoncino e ritagliamo la forma.
Riprendiamo l'impasto, tiriamo una sfoglia di 3/4 mm . Per i cappellini non ungiamo le formine altrimenti la pasta potrebbe scivolare in cottura.: Tagliamo la sfoglia e rivestiamo i coni li appoggiamo sulla base e li mettiamo nel frigo per circa un quarto d'ora per le scopette è tutto più facile...le ritagliamo con le formine, le mettiamo su una teglia e le rimettiamo in frigo prima di cucinarle. . Forno preriscaldato a 200°, inforniamo a 170° ventilato per 10' circa.
Quando sono freddi, sciogliamo un po' di cioccolato fondente e li spennelliamo buttandoci su un po' di zuccherini colorati e....buona festa della befana!!!

giovedì 4 gennaio 2018

BENVENUTO 2018

L'anno appena finito è stato un anno veramente disastroso per il mio cuore, per la mia anima, per il mio cervello, per il mio essere in generale. Adesso sono priva di ogni motivazione, priva di ogni energia e un po' svuotata. Alla fine di dicembre ognuno di noi fa dei bilanci sull'anno appena chiuso e cerca di fare dei buoni propositi per quello che dovrà venire...è un po' tornare bambini e disegnare i nostri sogni...eppure quest'anno sono sincera, è molto difficile per me stilare una lista di buoni propositi o di cose che vorrei fare, o di desideri che vorrei realizzare. L'unico desiderio che in questo momento mi preme che sia esaudito è vivere in pace, in serenità ed è la cosa che mi sento di augurare a tutti, a tutto il mondo. Se c'è la pace, se c'è la serenità, penso che la nostra mente possa elaborare altre cose belle, possa fare dei buoni propositi; se siamo circondati dalla paura, dall'ansia, non riusciremo più a muoverci e sarà solo un infittirsi di problemi e la nostra confusione sarà tale da divorarci l'anima. Ecco l'ho scritto!!! e quindi forse sarò capace di riuscire a fare qualcosa di nuovo, quindi fare qualche bella camminata che mi faccia stare in forma, o scrivere di più sul blog che mi fa stare bene, si mi fa stare bene scrivere...è come se riuscissi a liberarmi dei fantasmi che mi rincorrono,  poi cucinare nuove ricette, perchè anche cucinare per chi si ama è una bella terapia e non avendo avuto tempo negli ultimi anni, avevo un po' abbandonato questa pratica e poi ballare......ho sempre amato ballare e questa è un'altra cosa che non ho più fatto...anche da sola...con la musica che mi piace a tutto volume...si..ce la posso fare..ce la possiamo fare...dico a chi si trova come me...in questo momento...
Ecco ...prometto di pubblicare tutte le ricettine che non ho pubblicato fin'ora...mi farò perdonare.
Buon anno a tutti!!! Smack!!!

giovedì 23 novembre 2017

UN PO' DI SALATO NON GUASTA






Ci sono delle volte che proprio non ho voglia di uscire, lasciare il calduccio del focolare, pensare di infilarsi in un supermercato, fare la fila alle casse e mettersi in coda con le altre auto....deprimente!!! Quando poi devi preparare la cena....ti accorgi che qualcosa decisamente manca. Allora bisogna ricorrere assolutamente alla fantasia, tanto la farina c'è sempre...guai a farsela mancare, il lievito o fresco o secco o quello messo da parte nella ciotolina dell'ultimo impasto fatto, come voleva la nonna, comunque c'è... e allora caso mai facciamo una bella focaccia morbida, profumata, tipo quella genovese; forse come quella proprio no, perchè già ho visto che ci vogliono alcune cose che non ho ma, può darsi che anche sostituendo qualcosa verrà buona lo stesso.
Allora io ho messo circa             350/400 gr di farina 0
                                                  10 gr di lievito di birra
                                                  160 gr di acqua
                                                   20 gr di olio d'oliva
                                                   un bel pizzico di sale fino
                                                  un cucchiaio circa di zucchero
                                                  un bel cucchiaio di mascarpone
                                                   50 gr circa di formaggio alle erbe
                                                   1 cipolla rossa di tropea
                                                   un bel rametto di rosmarino fresco

Prima di tutto rosoliamo la cipolla tagliata finissima in un po' di olio a fiamma bassa  e coperta così da poterla ammorbidire con la sua stessa acqua. Quando è pronta aggiungiamo lo zucchero e alziamo la fiamma così si caramella un po'. Intanto che si raffredda, impastiamo la focaccia; quindi in una ciotola mettiamo la farina, al centro l'olio il lievito e l'acqua, il sale lo mettiamo sopra la farina così non va a disturbare il lievito. Cominciamo ad impastare dal centro facendo sciogliere ed amalgamare il lievito con l'acqua e l'olio aggiungendo gradatamente la farina. Impastiamo fino a che il tutto non si incordi, riconosciamo che è pronto quando è liscio e omogeneo. Aggiungiamo il formaggio e le cipolle, lavoriamo un altro po' e mettiamo in una ciotola a lievitare, io faccio la classica croce con un coltello appuntito...voi come volete.
Quando sarà quasi raddoppiato riprendiamo il panetto, lo tagliamo a metà e stendiamo le due parti  col mattarello abbastanza sottili ...tipo 1,5 cm. e facciamo dei tagli obliqui come se dovessimo disegnare la parte interna di una foglia, allarghiamo bene questi tagli perchè poi la pasta lieviterà e si chiuderanno. Mettiamo queste focacce su una teglia unta e spolverizzata di farina in precedenza e lasciamo lievitare per circa 30 minuti più o meno a seconda anche del caldo che c'è. Nel frattempo scaldiamo in una padellina un po' di olio d'oliva e immergiamoci i rametti di rosmarino. Prima di mettere le focacce nel forno caldo (200°) spennelliamo con l'olio profumato, inforniamo per 15' circa. Uscite dal forno ripetiamo l'operazione di spennellamento e...buon appetito. A me è piaciuta tantissimo!!!
Fatemi sapere com'è venuta...mi raccomando!!!
                                               
                                 

sabato 14 ottobre 2017

L'AUTUNNO E' ARRIVATO CON TUTTI I SUOI TESORI


Ogni stagione ha il suo fascino e l'autunno non è da meno. Il fatto di avere più tempo a disposizione ed il fatto che abito in una zona collinare mi permette anche di fare delle belle passeggiate, cosa che non facevo più da tanto tempo. Mi sono ritrovata di colpo in un mondo che mi è mancato, senza che me ne rendessi conto, ho perso il contatto con l'essenziale, con la natura. Gli ultimi raggi di sole ottobrino illuminano le piante ed i fiori in una luce soffusa e li fanno risplendere creando una sorta d'incanto che solo in questa stagione è possibile. Il cesto in un attimo si riempie di una grandissima varietà di frutti maturi dai colori stupendi e delicati oltre che profumatissimi... alcuni già mangiati durante la passeggiata...


Fichi, mele, cachi, prugne, noci ecc., allora ci possiamo subito sbizzarrire con i fichi che tagliati sono ottimi
  per guarnire le torte, ma anche per fare delle ottime confetture e tante altre prelibatezze così quando non ne avremo più sugli alberi li potremo gustare ancora a lungo.    
  Ho avuto subito un irrefrenabile desiderio di impastare una frolla, io adoro la frolla, così friabile, gustosa,
con i fichi....ho già l'acquolina in bocca....e quando comincio con la frolla , mai un po', perchè è così versatile che poi faccio anche i biscotti o le crostatine o le basi per i cheese cake ecc.                                                
 ingredienti 
200gr di zucchero
250 gr di burro
2 uova intere
2 tuorli
un pizzico di sale
1 limone grattugiato (scorza)
1 bacca di vaniglia       
8 gr di lievito in polvere 
500 gr di farina 0
Per la crema
2 uova intere
120 gr di zucchero di canna
una bacca di vaniglia
60 gr di farina 
500 ml di panna (anche vegetale)
Procedimento
Ammorbidire il burro con lo zucchero, aggiungere le uova un po' alla volta, gli aromi, amalgamare bene, infine unire la farina, il lievito, cercando di  lavorare l'impasto più in fretta possibile affinchè non si riscaldi e si cominci a formare il glutine che può compromettere la friabilità della frolla.
Avvolgere il panetto nella pellicola e metterlo a riposare in frigo per circa 30 minuti.
Nel frattempo scaldare la panna con la vaniglia e sbattere le uova con lo zucchero e la farina, aggiungere  questo composto alla panna e rimettere sul fuoco per circa una decina di minuti affinchè si possa addensare.
Raffreddarla con del ghiaccio in frigorifero ben coperta dalla pellicola. 
Accendere il forno a 200°. Riprendere la frolla, stenderla col mattarello ad uno spessore di circa 1 cm. e foderare una teglia di 28 cm., bucherellare con una forchetta la base e riempirla con la crema, adagiarci sopra i fichi tagliati a metà e mettere in forno ventilato a 165° per circa 30'.
Non tutti i forni sono uguali quindi le cotture sono sempre approssimate.
E' buonissima...se la provate a fare fatemi sapere com'è andata.
Buon pomeriggio.

                                                                                                                 

martedì 7 marzo 2017

Auguri a tutte le donne

Dopo quasi 4 anni scrivo un post su questo blog che era nato semplicemente come un diario di ricette.
Ne sono successe di cose... alcune bellissime altre un po' meno, ma la vita è imprevedibile ed io che sono un vulcano mi compiaccio a farla diventare ancora più complicata.
Volevo solo ricordare questo giorno simbolo che è stato scelto per onorare le donne, non a caso il giorno in cui tante di loro sono morte nell'incendio della fabbrica dove lavoravano.
Non abbiamo bisogno di un giorno specifico per ricordarci e ricordare che siamo donne.
Siamo la forza di questo mondo, diamo la vita, non ci sarebbe nessuno se non ci fossimo noi, quindi nonostante tutto quello e quelli che ci remano contro, continuiamo ad essere forti, coraggiose, determinate.
Un grosso abbraccio a tutte.

misslittlecake: MIMOSE CUP CAKE AL CIOCCOLATO

mercoledì 30 ottobre 2013

FILONCINI DI OGNISSANTI
Non ci sono molti dolci n questo periodo, ma questo è il momento della frutta secca e allora facciamo un dolcetto anche per commemorare i nostri cari defunti che ci proteggono da lassù.
Sulla base della ricetta milanese dei pan dei morti, ho fatto questi biscotti che sono veramente buoni. Se volete sperimentare vi lascio la ricetta.
Ci vogliono:
100gr circa di amaretti
30gr di noci
60gr di farina
20gr di cacao
30gr di farina di nocciole o nocciole intere che poi passeremo al mixer
80gr di zucchero
50gr di uvetta
1/2 bicchiere di rhum
1 cucchiaino di lievito
1 pizzico di sale
1 albume
Reidratiamo l'uvetta nel rhum. Mettiamo nel mixer gli amaretti, le noci e le nocciole se le abbiamo intere e aggiungiamo tutti gli altri ingredienti secchi. Mescoliamo e mettiamo l'uvetta ed il rhum, aggiungiamo l'albume e otterremo un impasto uniforme e compatto. Lasciamolo a riposare per una mezz'oretta in frigo. Nel frattempo accendiamo il forno a 180°, mettiamo nella teglia un foglio di carta per cotture. Dipende dalla grandezza dei biscotti ma con questa dose grosso modo ne dovrebbero venire una quarantina. Riprendiamo l'impasto, facciamo un filone come se dovessimo fare gli gnocchi e tagliamolo a fettine cercando di farle uguali. Allunghiamole un po' dando la forma di un filoncino e mettiamole nella teglia. Infornare a 170° per circa 20'. La temperatura del forno si sa, ognuno conosce la sua, mettiamo una temperatura più alta all'inizio così quando inforniamo, mettiamo quella giusta così, anche se si abbassa, non ci compromette la cottura.
Buon lavoro e buon appetito.

HALLOWEEN ...frolle e frollini

Della serie "meglio tardi che mai", mi ripresento. Ci sono sempre stata e avrei voluto spiegare tante belle novità, ma siamo in Italia, l'avevo dimenticato e nulla è facile, anzi anche le cose semplici diventano complicate. Rimandiamo alla prossima settimana gli sviluppi di cui vi parlerò e concentriamoci un secondo su questa festa importata ma comunque simpatica se non esageriamo. Cogliamo l'occasione per biscottare ed io che adoro la frolla ho fatto questi simpatici teschi.
Allora occorrono:
190 gr di farina
80 gr  di burro
1 uovo
50 gr di zucchero
vaniglia
sale
caramelle alla frutta tipo Dufour
Facciamo una fontana con la farina, dentro mettiamo il burro a pezzetti, l'uovo, lo zucchero, la vaniglia, il sale ed impastiamo bene, poi velocemente incorporiamo la farina e, fatto un panetto, lo mettiamo a riposare in frigo per una mezz'oretta. Nel frattempo accendiamo il forno sui 180° e trituriamo le caramelle.
Se non avete uno stampo per ritagliare i biscotti,  disegnate su un cartoncino il teschio e ritagliatelo.
Riprendiamo la frolla, la stendiamo a un paio di millimetri e ritagliamo i biscotti, li mettiamo su una teglia con la carta forno e nelle cavità degli occhi e della bocca mettiamo le caramelline triturate. Dovrebbero venire almeno una trentina di biscotti, dipende dalla grandezza della sagoma che farete. Inforniamo per circa 10'. Le caramelle sciogliendosi diventeranno come degli specchietti. Non ho avuto tempo di fare le foto, ma spero di essere stata chiara con la spiegazione. Buon lavoro e buon appetito.