lunedì 9 aprile 2012

TORTINO INTEGRALE CON LAMPONI

Ora è tempo di mettersi un po' a dieta... dopo le grandi abbuffate della Pasqua e dei vari pic nic, complici le ricottine che hanno un leggero sentore di erbette fresche, l'agnello nostrano con le carni rosee e delicate e quindi le grigliate a go go, dobbiamo per forza di cose alleggerirci un po'. Ma la colazione è importante comunque e io penso sempre a qualcosa di nutriente ma che abbia anche un po' di fibre e un po' di frutta. A me personalmente piacciono molto i dolci con la frutta, un po' perchè mi permettono di recuperare quella che è andata avanti con la maturazione e un po' perchè mi danno la sensazione di freschezza ed essendo umidi li sento più gradevoli al palato.
Poi sono dolci che possiamo sfruttare anche per un tè o anche per una merenda. Per questo tortino abbiamo bisogno di:
3 uova
200gr  di zucchero di canna
100gr di olio di semi di girasole
100gr di latte
100gr  di farina
200gr  di farina integrale
un pizzico di sale
un  cucchiaio di maraschino
250 gr di lamponi (sia freschi che congelati)
1/2 bustina di lievito vanigliato

Innanzitutto come sempre accendiamo il forno modalità ventilato sui 180°, prendiamo una ciotola, sgusciamo le uova, aggiungiamo lo zucchero e montiamo fino a che il composto diventi chiaro. Poi aggiungiamo l'olio, il latte sempre mescolando delicatamente e piano iniziamo a mettere la farina già mescolata con l'integrale ed il lievito. per ultimo aggiungere i fruttini passati nella farina. Questo ultimo procedimento serve a non far cadere i lamponi sul fondo della torta. Una volta pronto il dolce lo mettiamo in uno stampo prescelto già imburrato ed infarinato e lo inforniamo abbassando la temperatura sui 170° e lasciandolo per circa 35', controllando sempre con uno stecchino, perchè come sappiamo ogni forno ha i suoi tempi.Volendo possiamo metterci un po' di zucchero al velo prima di servirlo o arricchirlo con un ciuffo di panna o un po' di crema inglese messa a specchio.
Al prossimo post, spero di esservi stata utile.

giovedì 5 aprile 2012

pupe e cavalli di Pasqua Easter Dolls and horses

In Abruzzo c'è una bella tradizione ed è proprio quella del cavallo e della pupa: regali che si scambiavano i giovani promessi sposi. Erano regali commestibili fatti con un impasto non molto dolce, abbastanza consistente, era un dolce da inzuppare nel vino o nel latte. Si usava sistemare al centro della figura un uovo crudo che rappresentava la fecondità. A me sinceramente non è mai piaciuto tanto quest'uovo messo lì, ma se la tradizione è così ......Adesso vi dò la ricetta, ovvio che questa non è quella di cui parlavo prima è molto più gustosa ma è sempre una ricetta molto antica con cui si fanno i biscotti.
500gr di  farina 
200gr di zucchero
3 uova
1 bicchiere di olio
buccia di limone grattuggiato
1 bustina di lievito vanigliato
Per la ghiaccia:
1 albume
qualche goccia di succo di limone
zucchero al velo
Fare una fontana con la farina, mettere dentro le uova, lo zucchero, l'olio, il limone, la bustina di lievito. Impastare come fosse una pasta frolla , fino a che diventa liscia. Prendere un po' d'impasto e fare la forma di una bambola. Metterla in una teglia e infornare a 180° per circa 15/20'. Preparare la ghiaccia con un po' d'albume e zucchero al velo, aggiungendo quest'ultimo fino a che la consistenza non diventi come un dentifricio; poi sbizzarrirsi con disegnini e mompariglia.
Auguro a tutti una buona Pasqua!!!!!!!